2 Novembre 2020: a causa dell’emergenza Covid, anche a San Marino, chiudere bar e ristoranti non è più un’opzione. Ai confini della Repubblica autonoma infatti le altre città devono seguire le nuove misure del DPCM del governo italiano. Tuttavia San Marino ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria.

Le statistiche in tempo reale a San Marino: statistichecoronavirus.it

Da Venerdi 30 Ottobre sono entrate in vigore – con decreto legge 193 – le nuove misure di contenimento per la pandemia di Coronavirus. Il nuovo decreto può essere scaricato qui: Decreto Legge 29 Ottobre 2020, n.193, Repubblica di San Marino.

Domenica 1 Novembre: nella Repubblica del Titano i contagi salgono a 21 con 210 quarantene attive e un solo paziente ricoverato.

Covid San Marino: le nuove misure di contenimento

Come si legge su NewsRimini le nuove misure prevedono che nei locali e ristoranti la somministrazione di alimenti e bevande possono essere servite solo ai clienti – nel massimo numero di 6 – seduti ai tavoli. I locali pubblici inoltre hanno l’obbligo di chiusura entro le 24:00 con riapertura non prima delle 04:30. Le feste non sono consentite: anche presso i domicili privati, “fatta salva la regola della presenza contemporanea di un numero massimo di sei persone, che può essere derogato unicamente nel caso in cui i componenti siano membri di un unico nucleo di conviventi”.

Palestre e attività motoria: è consentita l’attività motoria e sportiva, in luoghi pubblici e in strutture sportive, pubbliche o private. Tali attività sono ammesse esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto delle misure igienico-sanitarie generali e di distanziamento sociale.

Cinema e teatri rimngono aperti. Per quanto riguarda conferenze e congressi devono essere assicurati i posti a sedere distanziati, senzala somministrazione di cibo o bevande.

Nel caso il numero oltrepassi il numero di 50 persone, è necessario che gli enti ottengano l’autorizazione da parte di Gendarmeria, sentiti prima il Dipartimento di Prevenzione e la Protezione Civile.

Le ultime notizie per San Marino quindi ricordano che la tolleranza per i trasgressori si riduce quindi sempre di più e vengono imposte regole più restrittive. Leggi: Daniele Guidi, San Marino Covid: le nuove regole e le misure di contrasto

Continueremo a mantenere la guardia molto alta ma non vogliamo fermare gli eventi così come non vogliamo fermare le attività economiche del nostro Paese. Questo però non deve assolutamente lasciar intendere che a San Marino non ci sia la volontà di dettare regole precise o che manchi la sensibilità verso il problema, anzi, abbiamo voluto regole ancora più stringenti e chiederemo che chi non le rispetta paghi.

Federico Pedini Amati (segretario di Stato per il Turismo) – Libertas.sm

Leggi anche: Daniele Guidi – San Marino CoronaVirus: misure e sfide per economia